Ci vuole un cuore per aprire un altro cuore di Annamaria Giustardi

Un ‘opera che mi ha particolarmente colpita al festival del libro d’artista a Reggio Emilia.

Annamaria Giustardi: ci vuole un cuore per aprire un altro cuore

Annunci

Volpina Blu racconta Fare Libri 6

Fare Libri 6 è la sesta versione italiana del  festival del libro d’artista, si svolge a Reggio Emilia dal 21 al 23 settembre. Tre giorni ricchissimi di libri e di incontri.

Venerdì mattina, mi sono precipitata a Reggio Emilia, dopo aver convinto mio marito, a visitare questa magnifica mostra.

E’ stato bellissimo per me ammirare le opere esposte e cercare di carpirne i segreti con cui sono stati creati. Per me è stata una grande emozione, deve essere un po’ come per un botanico scoprire nuove specie o trovare fiori rari…

La mostra si tiene a Reggio Emilia, ma è un progetto itinerante tra Spagna (Barcellona) e Italia, con la direzione artistica di Elisa Pellacani, (per tutte le info ildebook@gmail.com), anche autrice di volumi sul libro d’artista tra cui:  https://www.ibs.it/the-new-book-innovazione-del-libro-elisa-pellacani/e/9788889156858?inventoryId=53715049

Reggio Emilia è una piccola gentile multietnica cittadina emiliana, sede della sala del tricolore e del teatro municipale Valli, uno dei più belli d’Italia. Emozionante la visita alla sala del tricolore mentre vi era la conclusione di un corso dedicato ai giovani stranieri.

20180921_144952624788244.jpg
Sala del Tricolore
20180921_153103451375241.jpg
Teatro Municipale Valli

Fare libro è inserito in un contesto di grande bellezza, il portico dei Marmi, all’interno del museo Gaetano Chierici di Paletnologia. L’atmosfera è quindi quella di una notte al museo

mueso

Mi sarebbe già bastato questo museo per farmi inginocchiare di meraviglia: scheletri, teschi piccoli manufatti dell’uomo preistorico, qui io ero in ginocchio davanti all’Uomo!!!

Il museo presenta la collezione di Lazzaro Spallanzani, raccolte zoologiche, etnografiche, geologiche, botaniche, preistoriche …

Purtroppo  da martedì a venerdì apre solo al mattino, mentre al sabato e alla domenica anche di  pomeriggio , mentre io ero lì venerdì mattina e così non sono riuscita a visitarlo.

http://www.musei.re.it/collezioni/collezioni-del-palazzo-dei-musei/museo-gaetano-chierici-di-paletnologia/P1770731 (Medium)

Il mio obbiettivo erano i libri, quindi abbandonata a malincuore la sala degli amati scheletri, ho varcato la soglia del Portico dei marmi, nella borsa avevo portato con me la mia scatola di Volpina Blu,  che fremeva e mi implorava di farla uscire e io le dicevo zitta ancora non è il momento, vediamo, poi chissà…

 

Ho ammirato nelle vetrine lavori molto belli, peccato però non poterli prendere in mano, poi c’erano alcuni espositori- artisti con i quali ho avuto modo di colloquiare, e porre domande sui lavori e sui motivi della loro ricerca.

Ho conosciuto persone molto interessanti:

Silvio Crosera che preso dal flusso di pensiero alla Joyce, riempiva di scritte a mano taccuini e quaderni, del tipo chi sono, dillo alle stelle, comunicazioni tra madre e figlio, tra coniugi… tra la contingenza della normale vita quotidiana alle domande esistenziali più profonde (www.croserasilvio.it)

20180921_110222-1995403338.jpg
Silvio Crosera

 

A seguire ho ammirato alcune edizioni numerate e particolari di officina Typo, con proposte moderne e classiche tra cui con mio grande piacere il Pascoli .

Typo  è un’azienda di famiglia, di Gina e Silvano e della figlia Ebe, ed unisce grande professionalità alla cura attenta e sapiente del lavoro.

http://www.officinatypo.it/

 

typo

Poi c’è stato l’incontro con l’artista dei libri dell’anima, oserei dire, Maurena Lodi.

Il suo lavoro è una ricerca continua e instancabile su domande esistenziali come cos’è il nostro corpo, cos’è il tempo, e poi  favole inventate per la piccola figlia su suggerimento della stessa, che inventava un titolo di pura fantasia come solo i bambini sanno fare, e poi miniature di libri da viaggio, e il minuscolo libro del destino che forse ognuno di noi ha da qualche parte, tanto minuscolo che pare la capsula di un dente, forse qualche Dio ce lo ha inserito dentro a un osso, o in un dente così strettamente legato al cervello, e poi gli anelli fatti di carta e piume, testi, poesie e illustrazioni… un incanto!

https://www.facebook.com/maurena.lodi

 

20180921_1212081772765287.jpg
Maurena Lodi

Io sono andata alla mostra da semplice visitatrice appassionata, nella borsa avevo la mia scatola d volpina blu per mostrarla a qualche “collega” e riceverne un parere o un consiglio da esperto, diciamo così…  ho preso coraggio e ho mostrato la mia scatola… in punta di piedi…

Con Silvano di Typo abbiamo colloquiato del libro,  del suo valore, della sua unicità e di tanto altro, con Maurena abbiamo volato su anima corpo e  tempo, con Silvio abbiamo parlato del potere terapeutico di un diario su cui andare a ruota libera

E poi le ragazze Carlotta e Gabriella e un’altra, che vorrà scusarmi, ma non ne ricordo il nome, molto simpatiche, carine e brave!

p1770815 (medium)1982389939..jpg

… E poi l’incontro, insperatto, con Elisa Pellacani, incontro per me a sorpresa,  diamoci del tu, che bello incontrare persone con le nostre stesse passioni, ma questo come lo hai realizzato, etc etc… la sfida di partecipare alla prossima edizione, la voglia di esprimersi con le mani che lavorano la carta, che la piegano sotto ad un oscuro preciso disegno per realizzare la bellezza, per fare un viaggio di carta che arrivi a toccare con la carta la pelle della gente e ciò che non si può toccare, cioè le anime….

Volpina blu insomma ha colpito ancora!

Sia che si tratti di un libro d’artista oppure no, il libro fatto a mano è un grande valore, è un’unicità e una diversità da promuovere perché un libro ancora sa emozionare…

Sfogliare un libro fatto così, sentirne il peso intrinseco ed estrinseco, ammirarne la fisicità, il tatto, i contorni, la legatura, i cromatismi, i segni grafici o calligrafici o le illustrazioni è un momento che regala stupore ed emozione

E così la mattinata è volata e un altro bel momento di incontro e condivisione si è concluso, ancora una passeggiata nel centro e nel parco di Reggio Emilia e poi sono tornata a Castrocaro, a casa, con la testa ancora sognante in mezzo ai libri …

Grazie FareLibri

Sul fiume Lamone

Tra Marradi e Crespino tre cascate a pochi minuti dalla strada che da Faenza va a Firenze attraversando il Mugello. E ancora terra di confine tra la Romagna e la Toscana o meglio un angolo magico degli appennini, caro al poeta Dino Campana.Cascata delle Streghe a Crespino (vecchio acquedotto):

Le pozze con cascate in località Valbura (presso centrale Enel):

Il pozzo della Frera al mulino di Fantino e il ponte della ferrovia:

Salita al Colle di San Matteo a Scicli

20180820_120215586930499.jpg
Chiesa di San Matteo
20180820_1202431891074179.jpg
Scicli

20180820_1233001210186867.jpg20180820_1301201132076001.jpg

20180820_1209161079498726.jpg
Viale Italia

20180820_1249592074319591.jpg20180820_123517459859516.jpg

20180820_123731105831006.jpg
Chiesa rupestre di Santa Lucia
20180820_1245231769663851.jpg
Chiesa di Santo Spirito
20180820_124658639517861.jpg
Resti del Castellaccio

20180820_1227401530442914.jpg

Tra le strette vie di Scicli (RG)si sale fino al colle di San Matteo, dove sorge la Chiesa di San Matteo, in abbandono, simbolo della cittadina barocca, e salendo ancora più su con spettacolari vedute si gunge ai resti del Castellaccio, antica fortificazione, e alle chiesette di Santa Lucia e quella di Santo Spirito, respirando un’atmosfera dal fascino antico, in cui il tempo sembra essersi fermato.

Piccole foglie di me

E non è rosa che cerchiamo non è rosa

e non è rosa o denaro, non è rosa

e non è amore o fortuna

non è amore

che la fortuna è appesa al cielo

e non è amore

Chi si guarda nel cuore

sa bene quello che vuole

e prende quello che c’è

Ha ben piccole foglie

la pianta del tè.

(Ivano Fossati da La pianta del tè)

Nasciamo dal mistero

Nasciamo da altri, da ciò che non conosciamo, dal mistero di altri due esseri, per poi diventare noi stessi altri da chi che ci ha generato. Siamo figli della Vita, in un continuo mutare … Nell’Altro da noi il mistero della nostra esistenza e della vita stessa.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑